Blockchain certificate?

SI CHIEDE A GRAN VOCE UN’AUTORITÀ CHE CERTIFICHI LE BLOCKCHAIN DI REGISTRI “DISTRIBUITI” ITALIANI MA C’È PIÙ DI UNO SCOGLIO.

Innanzitutto come in ogni applicazione tecnologica assolutamente utile in termini di proof-of-concept ma drammaticamente difficile da implementare all’interno della variegato universo della “cosa pubblica” italiana occorre fare una valutazione costi-benefici.

Di suola blockchain esprime i suoi vantaggi quando si può e si vuole distribuire un database su un’ampia Platea. Ma se il tenutario dei registri è uno o pochi in termini di risorse è un dispendio. Non ci sono santi è così.

E poi va tenuta in considerazione la normativa europea ed in particolare il Gdpr che potrebbe non essere un ostacolo da poco quando registri possono accedere anche i cittadini.

Pertanto c’è scritto Ale è che come accade con le Pec che poi vengono depositate all’interno dei vari protocolli delle amministrazioni e quindi perdono la loro utilità diventando in realtà poco più di un fax salvo essere poi duplicate nuovamente all’interno dei vari fascicoli digitali e dello Spid c’è il rischio di avere una blockchain che serva solo a tenere traccia delle transazioni che vengono sui più consueti sistemi di database centralizzati, tra l’altro non Real Time dato il meccanismo del consenso che può essere anche non rapidissimo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...